Il matriarcato

Il matriarcato (la cui esistenza non è mai stata pienamente dimostrata) sarebbe stata la conseguenza di una situazione eccezionale verificatasi molti millenni fa.

Il matriarcato infatti si sarebbe reso possibile prima della nascita dell’agricoltura, quando il sostentamento delle  comunità umane dipendeva dalla raccolta dei frutti dagli alberi, e – in misura minore – dalla caccia. E’ in questo contesto che alcuni studiosi parlano di matriarcato: non coltivando ancora la terra, il maschio andava in giro a raccogliere frutti e a cacciare, mentre la donna, che restava ferma nel luogo per accudire alla casa e ai figli, finiva per comandare lei.

Altre linee di pensiero sostengono che il matriarcato – sempre che vi sia stato davvero – sarebbe nato perché la donna, in quanto capace di generare “da sola” un essere umano (allora così si credeva!, non essendo stato collegato il parto all’atto sessuale), era considerata molto più “potente” dell’uomo. 

Il matriarcato, figlio della “ginecocrazia”, poggiava comunque sul potere riproduttivo della  donna, o sulle sue capacità gestionali: non certo sulla sua seduttività.